Psichiatria e Medicina Interna: colmiamo il gap

Attendees of a presentation about the merge of psychiatry with internal medicine.
I pazienti con malattia mentale sono molto più vulnerabili di altri pazienti in termini di salute fisica. Muoiono decine di anni prima. Come professionisti, dovremmo esserne consapevoli. La Psichiatria e la Medicina Interna devono potersi integrare meglio tra loro.

Ci sono i misteri della Medicina, ma ci sono anche semplici fatti. Uno di questi è che i pazienti affetti da depressione maggiore hanno un maggior rischio di soffrire di diabete e disturbi cardiovascolari. Inoltre, le persone con schizofrenia muoiono 20-30 anni prima delle persone non affette da malattie mentali gravi.

Robert McCarron (UC Davis, Sacramento, California, USA) ha sollecitato gli psichiatri a rispondere alla sfida che questo problema rappresenta. Pritham Raj, della Oregon Health and Science University di Portland, negli Stati Uniti, è intenzionato a farlo.

I nostri pazienti sono particolarmente vulnerabili al diabete e alla cardiopatia ischemica.

Fisici “a mela” e “a pera”
Secondo McCarron, nell’era della sindrome metabolica (definita da obesità addominale; elevati valori di glicemia, di pressione arteriosa e trigliceridi; riduzione del colesterolo HDL), prevenire l’obesità nei nostri pazienti si sta rivelando difficile. 

Un elevato indice di massa corporea (BMI) è associato a molti problemi, incluso il dolore. In termini di rischio cardiovascolare, il rapporto vita-fianchi  potrebbe essere più importante. Un rapporto maggiore di 1 ( fisico “a mela”) presenta un rischio cardiovascolare superiore rispetto a quando il peso in eccesso è principalmente presente sui fianchi (fisico “a pera”). Ciò in parte è dovuto allo stress, dato che l’aumento del cortisolo favorisce l’accumulo di grasso addominale. 

Ma il controllo e la riduzione del peso sono ancora gli obiettivi principali per molte persone che soffrono di problemi di salute mentale.

Cibo, piedi e dita

  • Come primo punto, il Dott.Raj suggerisce di spiegare i seguenti concetti:
  • Per le persone che assumono farmaci per problemi di salute mentale, non esiste una dieta specifica che sia migliore delle altre
  • Il piatto ideale – di dimensioni normali, senza concedersi il “bis” – è composto per metà circa da frutta o verdura, un quarto da amido e l’altro quarto da proteine
  • La restrizione calorica può ragionevolmente portare ad una perdita di peso di 0,5kg a settimana
  • Se non si è vegetariani, meglio preferire carne bianca e pesce alla carne rossa

Le bevande dolci sono altamente caloriche e quelle dietetiche non sono delle valide sostitute: sembra che i dolcificanti artificiali inducano una certa “libertà psicologica” che porta al consumo di altri cibi calorici.

In relazione al consumo calorico, le persone dovrebbero abituarsi a muoversi a piedi. È più utile parlare di “attività” piuttosto che di “esercizio”. Camminare fa bene. Si raccomanda di fare almeno 30 minuti al giorno di attività fisica di moderata intensità.

Il peso e gli obiettivi per perdere peso dovrebbero essere annotati e discussi nel corso delle varie visite mediche. Se non c’è traccia di questi problemi nelle note, i pazienti possono pensare che non siano importanti.

Quanto alle dita, le persone possono essere incoraggiate a trovare qualcosa con cui tenerle occupate che non sia fumare.

Infine, siamo in grado di aiutare i nostri pazienti prescrivendo farmaci caratterizzati da un ridotto rischio di causare aumento ponderale o diabete. La scelta appropriata di quali farmaci impiegare ha una sua importanza, e la politerapia frequente in Psichiatria giustifica la necessità di effettuare un monitoraggio metabolico costante.

Quando cambiare lo stile di vita non è sufficiente
Cambiare lo stile di vita permette di ottenere i migliori benefici. Se questo non dovesse dare risultati, interviene la chirurgia bariatrica, in particolare la gastrectomia verticale parziale. Ma  la gastrectomia può portare a problemi di assorbimento di nutrienti e farmaci. Ed esistono casi di comorbilità psichiatriche associate a questo tipo di intervento chirurgico. 

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito progress.im
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente agli Operatori Sanitari (medici e farmacisti). I contenuti di questo sito sono prodotti da un team di Operatori Sanitari il cui obiettivo è presentare le ultime novità in ambito psichiatrico e neurologico, attraverso interviste, registrazioni audio/video di seminari con opinion leader, report e sintesi di congressi sia internazionali che nazionali. Per poter accedere al sito è quindi necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Operatore Sanitario.