Diagnosi e valutazione

La depressione è una malattia multi-dimensionale con effetti sui pazienti di tipo emotivo, cognitivo e fisico1, che devono essere tutti riconosciuti e valutati. Tuttavia, la disfunzione cognitiva nella depressione è spesso trascurata sia dai pazienti che dai medici.2,3  Il medico può risolvere facilmente questo problema facendo al paziente semplici domande e osservando il suo comportamento durante la visita.

La disfunzione cognitiva nella depressione è spesso trascurata ... sia dai pazienti che dai medici.

Ad esempio, le lamentele soggettive relative a disfunzioni della cognitività “fredda” possono emergere ponendo domande semplici come [Barry H. Personal communication]:

  • Ha difficoltà a prendere decisioni sia a casa che al lavoro?
  • Ha difficoltà a leggere giornali, appunti o dati sul posto di lavoro, o a seguire programmi o conversazioni televisive?
  • Le capita di smarrire oggetti come le chiavi, o ha difficoltà a ricordare nomi o prodotti commerciali, o di perdere il filo delle attività a casa o al lavoro?
  • Fa fatica a iniziare o, in particolare, a portare a termine compiti comuni, sia a casa che al lavoro, a causa di questi problemi?

È importante evitare che il paziente abbia timore che si tratti di demenza, rassicurandolo che le domande hanno lo scopo di esplorare i sintomi cognitivi della depressione. Parlare con persone che conoscono molto bene il paziente, come ad esempio i caregiver, può aiutare nella valutazione delle funzioni cognitive di un paziente.4

La disfunzione cognitiva nella depressione è spesso trascurata
Ci sono diversi motivi per cui la disfunzione cognitiva nella depressione viene trascurata.

Per impostare una cura, i medici spesso danno priorità ad altri sintomi della depressione come gli interessi, l'umore e l’ideazione suicidaria, 3 e potrebbero non cogliere nel paziente i descrittori di una disfunzione cognitiva, soprattutto nei giovani adulti dove non ci si aspetta che mostrino questo tipo di disturbo. Inoltre, i pazienti affetti da depressione hanno più probabilità di riferire i sintomi associati a sonno, appetito o umore, e potrebbero non conoscere, o non essere in grado di segnalare, tutti gli altri.2,3

Il problema è aggravato dallo scarso accesso a valutazioni neuropsicologiche complete della cognitività4 e dalla mancanza di trattamenti efficaci per la disfunzione cognitiva nella depressione.5

Un approccio più completo alla depressione potrebbe comprendere la valutazione cognitiva nelle fasi iniziali di diagnosi, dal momento che i sintomi cognitivi sembrano essere possibili marcatori precoci e bersagli per un intervento nella depressione.6,7

La disfunzione cognitiva nella depressione può essere valutata oggettivamente e soggettivamente come parte di un processo di gestione continua della patologia 
Una volta riconosciuta, una valutazione continua della disfunzione cognitiva è fondamentale nella gestione dei pazienti depressi  e può essere ottenuta con l’uso di strumenti oggettivi e / o soggettivi. Tuttavia, nella pratica clinica di routine vi è un margine di miglioramento nella gamma di strumenti disponibili per lo screening della disfunzione cognitiva in pazienti con depressione.

Test oggettivi
Sono disponibili una serie di test neuropsicologici oggettivi per valutare la cognitività “calda" e "fredda" colpite dalla depressione.8 I test cognitivi per valutare i diversi domini della cognitività 'fredda' sono illustrati in Figura 1. Esempi di valutazioni della cognitività 'calda' includono il Cambridge Neuropsychological Test Automated Battery (CANTAB), Affective Go / No-Go test e il CANTAB Cambridge Gambling Task.9,10 Tuttavia, i test neuropsicologici oggettivi non sono ampiamente diffusi e i risultati devono essere interpretati nell’ambito degli effetti sul funzionamento quotidiano del paziente.4,6

FIGURA 1

Test per i diversi domini della cognitività “fredda”6

Apprendimento & memoria visiva

Switching supplementare

Fluenza verbale

Flessibilità cognitiva

Velocità psico-motoria

Attenzione

Memoria di lavoro

Apprendimento & memoria verbale

Visual reprodction 1 & 2

Trail making test B

Letter & semantic fluency


Wisconsin card sorting test

Trail making test A

Digit span forwards


Digit span backwards


Logical memory 1 & 2

Ray complex figure test 30 min. delayed recall


Modified card sorting test

Digit symbol-coding

Spatial span forwards


Spatial span backwards


RAVLT total & delayed recall


Welcher memory scale visual memory index


CANTAB ID/ED shitf


Symbol digit modalities test

CVLT-II total recall


SD free recall & LD free recall


HVLT total recall & delayed recall


Buschke’s SRT total recall

Test soggettivi
I questionari sulle funzioni cognitive  autocompilati dal paziente sono più adatti per un utilizzo in un setting clinico rispetto ai test neuropsicologici. Il British Columbia Cognitive Compliants Inventory, il Cognitive and Functioning Questionnaire e il Perceived Deficits Questionnaire sono stati validati per l’uso in pazienti con depressione11-13

Le scale di valutazione dei sintomi della depressione somministrate dai clinici come la Montgomery-Åsberg Depression Rating Scale e la Hamilton Depression Rating Scale (HAM-D) contengono anche elementi che valutano le funzioni cognitive; tuttavia, non sono sufficienti per valutare la gravità, l’entità e l’incidenza dei sintomi cognitivi.

Nonostante la presenza di svariati strumenti oggettivi e soggettivi per la valutazione delle disfunzioni delle cognitività “calda” e “fredda”, nella pratica clinica non c'è un approccio ottimale riconosciuto come il più indicato per la valutazione della funzione cognitiva nei pazienti depressi.  

References
  1. American Psychiatric Association. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders. Fifth Edition. DSM-5. Washington DC: American Psychiatric Publishing, 2013.
  2. Demyttenaere K, Ansseau M, Constant E, Albert A, Van Gassen G, van Heeringen K. Do general practitioners and psychiatrists agree about defining cure from depression? The DEsCRIBE™ survey. BMC Psychiatry 2011; 11: 169.
  3. Brody DS, Thompson TL, Larson DB, Ford DE, Katon WJ, Magruder KM. Recognizing and managing depression in primary care. Gen Hosp Psychiatry 1995; 17: 93-107.
  4. Harvey PD. Is it possible to assess cognitive impairment other than with neuropsychological tests? Psychiatry (Edgmont) 2009; 6: 23-25.
  5. McIntyre RS, Cha DS, Soczynska JK, Woldeyohannes HO, Gallaugher LA, Kudlow P, Alsuwaidan M, Baskaran A. Cognitive deficits and functional outcomes in major depressive disorder: determinants, substrates, and treatment interventions. Depress Anxiety 2013; 30: 515-527.
  6. Lee RSC, Hermens DF, Porter MA, Redoblado-Hodge MA. A meta-analysis of cognitive deficits in first-episode major depressive disorder. J Affect Disord 2012; 140: 113-124.
  7. Pettit JW, Lewinsohn PM, Joiner TE, Jr. Propagation of major depressive disorder: relationship between first episode symptoms and recurrence. Psychiatry Res 2006; 141: 271-278.
  8. Lam RW. Depression. 2nd edition. Oxford: Oxford University Press, 2012.
  9. Roiser JP, Sahakian BJ. Hot and cold cognition in depression. CNS Spectr 2013; 18: 139-149.
  10. Rock PL, Roiser JP, Riedel WJ, Blackwell AD. Cognitive impairment in depression: a systematic review and meta-analysis. Psychol Med 2013; Oct 29 [Epub ahead of print].
  11. Fava M, Iosifescu DV, Pedrelli P, Baer L. Reliability and validity of the Massachusetts General Hospital Cognitive and Physical Functioning Questionnaire. Psychother Psychosom 2009; 78: 91-97.
  12. Lam RW, Saragoussi D, Danchenko N, Rive B, Lamy FX, Brevig T, White MK, Yarlas AS, Bjorner JB. Psychometric development of Perceived Deficits Questionnaire – Depression (PDQ-D) in patients with major depressive disorder (MDD). Slide presentation at the ISPOR 16th Annual European Congress, Dublin, Ireland, 2-6 November, 2013.
  13. Iverson GL, Lam RW. Rapid screening for perceived cognitive impairment in major depressive disorder. Ann Clin Psychiatry 2013; 25: 135-140.
Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito progress.im
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente agli Operatori Sanitari (medici e farmacisti). I contenuti di questo sito sono prodotti da un team di Operatori Sanitari il cui obiettivo è presentare le ultime novità in ambito psichiatrico e neurologico, attraverso interviste, registrazioni audio/video di seminari con opinion leader, report e sintesi di congressi sia internazionali che nazionali. Per poter accedere al sito è quindi necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Operatore Sanitario.