Intervista al Professor Andrea Fagiolini - "Mastering the treatment of Depression and Schizophrenia" - Firenze, 17 e 18 Gennaio 2017

Professor Andrea Fagiolini

Dal 17 al 18 gennaio a Firenze ha avuto luogo l'evento "Mastering the treatment of Depression and Schizophrenia" di cui lei è il responsabile scientifico. Quali sono stati gli argomenti principali che avete affrontato? 

Abbiamo discusso i nuovi trattamenti per la depressione in generale con un focus sulle novità disponibili. Abbiamo valutato i dati dei trials clinici in termini di efficacia e tollerabilità e discusso la corrispondenza di questi con quanto osservato nella pratica clinica. Abbiamo affrontato poi il trattamento della schizofrenia, il ruolo degli antipsicotici long acting e le strategie per garantire una buona qualità di vita, funzionamento e salute medica generale dei pazienti con schizofrenia

 

Come è cambiata negli ultimi anni la gestione delle malattie psichiatriche in termini di prognosi e qualità di vita del paziente? E quanta influenza in questo ha avuto l'evoluzione delle terapie disponibili?

Siamo passati da un periodo in cui l’attenzione era limitata a sintomi come l’agitazione, la disperazione, l’insonnia, i deliri, le allucinazione  a una fase in cui questi sintomi sono tenuti nella massima considerazione ma in cui ci preoccupiamo anche della tollerabilità dei trattamenti, dell’efficacia sui sintomi cognitivi, dalla salute medica generale, del funzionamento e della qualità di vita

 

Si parla, da alcuni anni, di medicina di precisione come forma di medicina a cui si deve mirare. Quanto questo può essere vero anche in psichiatria? Crede sarà mai possibile ?

Anche in psichiatria riconosciamo ormai il fatto che la stessa malattia si esprime in modi diversi nei diversi individui e siamo sempre più consapevoli della necessità di personalizzare il trattamento, tenendo presente che esistono diversi sottotipi di depressione e schizofrenia e che i singoli pazienti rispondono e tollerano diversamente i vari farmaci antidepressivi o antipsicotici. I sistemi farmacocinetici e farmacodinamici sono poi diversi da un individuo all’altro e quindi è necessario che anche il semplice dosaggio di uno stesso farmaco sia personalizzato ai singoli individui 

 

È possibile parlare, oggi, di ritorno ad un pieno funzionamento per i pazienti psichiatrici (ci riferiamo sia ai pazienti affetti da depressione che a quelli più complessi affetti da schizofrenia)?  

Questo è il nostro obiettivo ed è un obiettivo raggiungibile, grazie ai nuovi composti, soprattutto quando il trattamento è precoce e continuato nel tempo 

 

Il contesto socioeconomico in cui viviamo ha aumentato l'incidenza delle malattie psichiatriche? Se sì, quali?

Nella nostra società, sono aumentati  soprattutto i disturbi depressivi e disturbi di ansia, sia come prevalenza che come intensità. Il periodo di crisi economica e una vita in cui è più facile che si verifichino eventi di perdita o avere esigenze che poi non sono facilmente soddisfatte, hanno contribuito a questa situazione. L’aumento dell’uso di sostanza stupefacenti ha invece contribuito all’aumento dei disturbi psicotici e della loro gravità

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito progress.im
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente agli Operatori Sanitari (medici e farmacisti). I contenuti di questo sito sono prodotti da un team di Operatori Sanitari il cui obiettivo è presentare le ultime novità in ambito psichiatrico e neurologico, attraverso interviste, registrazioni audio/video di seminari con opinion leader, report e sintesi di congressi sia internazionali che nazionali. Per poter accedere al sito è quindi necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Operatore Sanitario.