Psichiatria e Medicina Interna: colmiamo il gap

Attendees of a presentation about the merge of psychiatry with internal medicine.

I pazienti con malattia mentale sono molto più vulnerabili di altri pazienti in termini di salute fisica. Muoiono decine di anni prima. Come professionisti, dovremmo esserne consapevoli. La Psichiatria e la Medicina Interna devono potersi integrare meglio tra loro.

Ci sono i misteri della Medicina, ma ci sono anche semplici fatti. Uno di questi è che i pazienti affetti da depressione maggiore hanno un maggior rischio di soffrire di diabete e disturbi cardiovascolari. Inoltre, le persone con schizofrenia muoiono 20-30 anni prima delle persone non affette da malattie mentali gravi.

Robert McCarron (UC Davis, Sacramento, California, USA) ha sollecitato gli psichiatri a rispondere alla sfida che questo problema rappresenta. Pritham Raj, della Oregon Health and Science University di Portland, negli Stati Uniti, è intenzionato a farlo.

I nostri pazienti sono particolarmente vulnerabili al diabete e alla cardiopatia ischemica.

Fisici “a mela” e “a pera”
Secondo McCarron, nell’era della sindrome metabolica (definita da obesità addominale; elevati valori di glicemia, di pressione arteriosa e trigliceridi; riduzione del colesterolo HDL), prevenire l’obesità nei nostri pazienti si sta rivelando difficile. 

Un elevato indice di massa corporea (BMI) è associato a molti problemi, incluso il dolore. In termini di rischio cardiovascolare, il rapporto vita-fianchi  potrebbe essere più importante. Un rapporto maggiore di 1 ( fisico “a mela”) presenta un rischio cardiovascolare superiore rispetto a quando il peso in eccesso è principalmente presente sui fianchi (fisico “a pera”). Ciò in parte è dovuto allo stress, dato che l’aumento del cortisolo favorisce l’accumulo di grasso addominale. 

Ma il controllo e la riduzione del peso sono ancora gli obiettivi principali per molte persone che soffrono di problemi di salute mentale.

Cibo, piedi e dita

  • Come primo punto, il Dott.Raj suggerisce di spiegare i seguenti concetti:
  • Per le persone che assumono farmaci per problemi di salute mentale, non esiste una dieta specifica che sia migliore delle altre
  • Il piatto ideale – di dimensioni normali, senza concedersi il “bis” – è composto per metà circa da frutta o verdura, un quarto da amido e l’altro quarto da proteine
  • La restrizione calorica può ragionevolmente portare ad una perdita di peso di 0,5kg a settimana
  • Se non si è vegetariani, meglio preferire carne bianca e pesce alla carne rossa

Le bevande dolci sono altamente caloriche e quelle dietetiche non sono delle valide sostitute: sembra che i dolcificanti artificiali inducano una certa “libertà psicologica” che porta al consumo di altri cibi calorici.

In relazione al consumo calorico, le persone dovrebbero abituarsi a muoversi a piedi. È più utile parlare di “attività” piuttosto che di “esercizio”. Camminare fa bene. Si raccomanda di fare almeno 30 minuti al giorno di attività fisica di moderata intensità.

Il peso e gli obiettivi per perdere peso dovrebbero essere annotati e discussi nel corso delle varie visite mediche. Se non c’è traccia di questi problemi nelle note, i pazienti possono pensare che non siano importanti.

Quanto alle dita, le persone possono essere incoraggiate a trovare qualcosa con cui tenerle occupate che non sia fumare.

Infine, siamo in grado di aiutare i nostri pazienti prescrivendo farmaci caratterizzati da un ridotto rischio di causare aumento ponderale o diabete. La scelta appropriata di quali farmaci impiegare ha una sua importanza, e la politerapia frequente in Psichiatria giustifica la necessità di effettuare un monitoraggio metabolico costante.

Quando cambiare lo stile di vita non è sufficiente
Cambiare lo stile di vita permette di ottenere i migliori benefici. Se questo non dovesse dare risultati, interviene la chirurgia bariatrica, in particolare la gastrectomia verticale parziale. Ma  la gastrectomia può portare a problemi di assorbimento di nutrienti e farmaci. Ed esistono casi di comorbilità psichiatriche associate a questo tipo di intervento chirurgico. 

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
You are leaving Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente agli Operatori Sanitari (medici e farmacisti). I contenuti di questo sito sono prodotti da un team di Operatori Sanitari il cui obiettivo è presentare le ultime novità in ambito psichiatrico e neurologico, attraverso interviste, registrazioni audio/video di seminari con opinion leader, report e sintesi di congressi sia internazionali che nazionali. Per poter accedere al sito è quindi necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Operatore Sanitario.
Hello
Please confirm your email
We have just sent you an email, with a confirmation link.
Before you can gain full access - you need to confirm your email.
The information on this site is exclusively intented for health care professionals.
All the information included in the Website is related to products of the local market and, therefore, directed to health professionals legally authorized to prescribe or dispense medications with professional practice. The technical information of the drugs is provided merely informative, being the responsibility of the professionals authorized to prescribe drugs and decide, in each concrete case, the most appropriate treatment to the needs of the patient.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country