La tecnologia SMART funziona per la psicosi

Le applicazioni Smart che utilizzano dispositivi mobili e computer per tenere traccia dei sintomi e facilitare il coinvolgimento nella terapia e l'autogestione non dovrebbero solo migliorare gli esiti per la salute mentale, ma anche ridurre i costi dell'assistenza, entrambi importanti nella gestione della psicosi. "L'uso della tecnologia mobile per la salute (mHealth) per aiutare chi è affetto o è ad alto rischio di psicosi" è stato l'argomento trattato durante un simposio incoraggiante e ottimista alla conferenza SIRS 2018.

Coinvolgimento nella terapia e rilevamento dei sintomi

"Tra una sessione e l'altra la raccolta dei dati potrebbe migliorare l'assistenza durante le sessioni", ha dichiarato ai delegati Laura Tully, California, USA. Per esempio, il monitoraggio regolare dei predittori di ricaduta tramite le piattaforme mHealth potrebbe allertare sia il provider che il cliente di ricadute imminenti e facilitare l'intervento precoce. La dott.ssa Tully ha descritto due studi che hanno utilizzato piattaforme mobili per determinare la fattibilità di tale approccio nella ricerca sulla psicosi precoce (Early Psychosis, EP) e in ambito ambulatoriale.

Tra una sessione e l'altra la raccolta dei dati potrebbe migliorare l'assistenza durante le sessioni

Nel primo studio, una app per smartphone e una Dashboard clinica* sono state fornite come strumento di trattamento aggiuntivo nel Davis Early Psychosis (EP) Program dell'Università della California. I partecipanti, pagati, hanno completato i sondaggi giornalieri e settimanali che monitoravano l'umore, i sintomi e altri fattori rilevanti tramite l'app. Le valutazioni dei sintomi sono state effettuate con il personale di ricerca durante le sessioni di trattamento mensili utilizzando la Dashboard per un massimo di 14 mesi.

Dei 143 clienti iscritti al UC Davis EP program, 76 sono stati arruolati nello studio. Il tempo medio di partecipazione è stato di 183 giorni; Il 77,3% ha completato i sondaggi settimanali e il 69% quelli giornalieri.  Un totale di 70 (92%) pazienti ha contribuito alla valutazione di validità. Ci sono state correlazioni statisticamente significative tra sintomi positivi auto-riportati e valutati dai clinici e sintomi di depressione/ansia. Inoltre, sembra che un aumento di depressione, ansia e anomalie della percezione visiva predìca un aumento dei sintomi positivi una settimana dopo. Ciò suggerisce che l'uso dello strumento per prevedere l'insorgenza dei sintomi è risultato fattibile e fornisce dati auto-riportati di una qualità paragonabile a quella ottenuta nella pratica clinica.  

Un aumento di depressione, ansia e anomalie della percezione visiva predice un aumento dei sintomi positivi una settimana dopo

Tuttavia, il passo successivo era vedere se l'uso dello strumento fosse fattibile in clinica. Avrebbero i provider di servizi sanitari e gli utenti trovato lo strumento fattibile nella pratica quotidiana? A differenza dello studio precedente, tutti i soggetti coinvolti in questo scenario non sono stati pagati per testare lo strumento.

Gli individui con EP in 4 cliniche ambulatoriali comunitarie per EP del Nord della California hanno scaricato una app sul proprio smartphone e hanno risposto ai sondaggi quotidiani sull'umore e sui sintomi per un massimo di 5 mesi. I provider che fornivano il trattamento erano in grado di visualizzare le risposte al sondaggio su una sicura dashboard web sia durante le sessioni sia tra gli appuntamenti con i pazienti con EP.

Tra coloro che hanno completato i sondaggi sulla soddisfazione, 27/41 (66%) pazienti con EP e 11 su 13 (85%) provider di servizi hanno riferito che avrebbero continuato a utilizzare l'app come parte dei servizi di trattamento. Tuttavia, 6/41 pazienti e 3/13 fornitori hanno affermato che i malfunzionamenti della tecnologia sono stati problematici durante il sondaggio. La dott.ssa Tully è rimasta ottimista in quanto tali questioni sono risolvibili!

Tra coloro che hanno completato i sondaggi sulla soddisfazione, 27/41 (66%) pazienti con EP e 11 su 13 (85%) provider di servizi hanno riferito che avrebbero continuato a utilizzare l'app come parte dei servizi di trattamento

Rapida identificazione e riferimento allo specialista

Tara Niendam, California, USA, ha presentato i risultati iniziali di uno studio controllato randomizzato per gruppi, a due fasi, basato sulla comunità. Questo studio è stato progettato per testare due strategie specifiche per ridurre la durata della psicosi non trattata (Duration of Untreated Psychosis, DUP): attraverso un'identificazione più rapida dei casi grazie a risorse comunitarie per il riferimento del paziente con l'aggiunta di uno screening elettronico per un questionario prodromico di 21 item (prodromal Questionnaire Brief, PQ-B) per l'istruzione mirata dei fornitori, e attraverso un arruolamento e un mantenimento nel progetto di cura più tempestivi con il miglioramento del coinvolgimento iniziale nei servizi ambulatoriali per il primo episodio di psicosi  (First Episode of Psychosis, FEP) tramite la tele-psichiatria mobile basata sulla comunità.

Un totale di 24 istituti scolastici, comunità e sedi di assistenza primaria a Sacramento, in California, sono stati randomizzati a ricevere l'educazione mirata e lo screening elettronico (Gruppo 1) o l'educazione mirata da sola (Gruppo 2) per i sintomi di psicosi. Nel Gruppo 1, coloro che avevano i punteggi più alti nello screening elettronico sono stati riferiti per una valutazione; coloro che avevano punteggi bassi sono stati monitorati o riferiti, se opportuno. Nel Gruppo 2, i pazienti con sintomi rilevanti sono stati riferiti per una valutazione.

Lo screening elettronico è fattibile nella comunità

I risultati hanno mostrato che lo screening elettronico è fattibile in vari contesti comunitari e aumenta significativamente l'identificazione di coloro che presentano sintomi dello spettro psicotico rispetto alla sola educazione mirata. Tuttavia, lo screening elettronico non ha migliorato significativamente l'identificazione dei FEP o migliorato la DUP. La dott.ssa Niendam ha riferito che alcuni operatori sanitari introducevano lo strumento come "questionario di screening per la schizofrenia" il che potrebbe ostacolare la sua accettazione da parte dei clienti.

Introdurre lo strumento come "questionario di screening per la schizofrenia" potrebbe ostacolare la sua accettazione

Recupero funzionale - generare forza

Sebbene gli interventi possano ridurre i tassi di transizione a psicosi nei soggetti Ultra High Risk (UHR, a rischio ultra alto), in questo gruppo persiste uno scarso outcome funzionale, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno una transizione a psicosi. Barnaby Nelson, Melbourne, Australia, ha descritto lo studio pilota "MOMENTUM" che ha esaminato la sicurezza, l'accettabilità e la fattibilità di un intervento online basato sui social media - MOMENTUM - specificamente progettato per migliorare il funzionamento sociale nei soggetti UHR.

MOMENTUM è stato ideato in stretta collaborazione con i suoi utenti finali e comprende una serie di interventi che includono reti sociali peer-to-peer, interventi terapeutici personalizzati (tra cui mindfulness e self-compassion), moderazione di esperti e fra pari e una struttura basata sulla forza – quest’ultima costruita su ciò che gli utenti erano bravi a fare per rafforzare la loro fiducia e partecipazione.

MOMENTUM è stato ideato in stretta collaborazione con i suoi utenti finali e comprende una serie di interventi

Dei 15 soggetti UHR reclutati nello studio pilota di 2 mesi MOMENTUM, 13 sono stati intervistati al follow-up (87%). L'utilizzo del sistema è stato elevato e il 67% degli utenti è stato attivamente coinvolto con il sistema online per tutta la durata della sperimentazione. Tutti i partecipanti hanno riportato un'esperienza positiva utilizzando MOMENTUM e lo consiglierebbero ad altri; Il 93% ha ritenuto utile MOMENTUM; Il 64% degli utenti si è sentito più padrone dei propri sintomi e il 57% si è sentito più socialmente connesso. È importante sottolineare che durante lo studio pilota non si sono verificati incidenti, segnalazioni o eventi avversi e tutti i partecipanti hanno riferito di sentirsi al sicuro.

MOMENTUM funziona in pazienti UHR

L'analisi ha rivelato un significativo aumento del funzionamento sociale (P < 0,001; d = 2,39) e della soddisfazione per la vita (P = 0,03; d = 0,48) al follow-up. C'è stato un aumento statisticamente significativo dei meccanismi terapeutici direttamente stabiliti come obiettivo da MOMENTUM, tra cui l’utilizzo dei punti di forza, le capacità di mindfulness e le componenti del supporto sociale. L'utilizzo del sistema è associato a un miglioramento del funzionamento sociale, supporto sociale e utilizzo dei punti di forza. Quindi, MOMENTUM sembra funzionare.

L'analisi ha rivelato un significativo aumento del funzionamento sociale e della soddisfazione per la vita

La fase successiva, come ha riferito il prof. Nelson, sarà quella di confrontare MOMENTUM con un trattamento standard in uno studio controllato randomizzato. A tal fine verranno reclutati 220 soggetti. Ha anche sottolineato che resta da vedere se i miglioramenti ottenuti attraverso MOMENTUM possano essere mantenuti nel tempo.

L'autogestione è fattibile – se non è troppo ripetitiva

Hidalgo-Mazzei, Londra, Regno Unito, ha descritto la fattibilità di offrire un programma di trattamento psico-educativo per facilitare l'autogestione nel disturbo bipolare. La piattaforma SIMPLe è accessibile da qualsiasi dispositivo abilitato a Internet e offre il monitoraggio dei sintomi e contenuti psico-educativi personalizzati in spagnolo, italiano e francese.

Lo studio di fattibilità SIMPLe ha avuto risultati positivi, suggerendo che è possibile l'autogestione con dispositivi mobili. Tuttavia, il dott. Hidalgo-Mazzei ha osservato che uno studio di fattibilità dell’implementazione - SIMPLe 1.5 - è stato recentemente sperimentato con risultati leggermente deludenti. Dei 201 pazienti accettati nello studio, solo 68 stavano ancora utilizzando il sistema dopo 6 mesi. Così, pur essendo i pazienti soddisfatti del dispositivo, si stavano gradualmente disimpegnando. 'Troppo ripetitivo' è stata una critica. Tuttavia, il feedback raccolto è in fase di attenta considerazione e sarà senza dubbio implementato con buoni risultati quando verrà rilasciato SIMPLe 2.0.

L'autogestione tramite dispositivi mobili è possibile

*Portale web sicuro dove i clinici hanno analizzato i dati dei partecipanti, includendo le risposte ai sondaggi giornalieri e settimanali, i tassi di completamento dei sondaggi e il resoconto dei dati passivi (Niendam et al. Enhancing early psychosis treatment using smartphone technology: A longitudinal feasibility and validity study. J Psychiatric Res 2018; 96: 239-246).

Risorse utili:

http://strong365.org

www.simplebipolarproject.org

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
You are leaving Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente agli Operatori Sanitari (medici e farmacisti). I contenuti di questo sito sono prodotti da un team di Operatori Sanitari il cui obiettivo è presentare le ultime novità in ambito psichiatrico e neurologico, attraverso interviste, registrazioni audio/video di seminari con opinion leader, report e sintesi di congressi sia internazionali che nazionali. Per poter accedere al sito è quindi necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Operatore Sanitario.
Hello
Please confirm your email
We have just sent you an email, with a confirmation link.
Before you can gain full access - you need to confirm your email.
The information on this site is exclusively intented for health care professionals.
All the information included in the Website is related to products of the local market and, therefore, directed to health professionals legally authorized to prescribe or dispense medications with professional practice. The technical information of the drugs is provided merely informative, being the responsibility of the professionals authorized to prescribe drugs and decide, in each concrete case, the most appropriate treatment to the needs of the patient.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country