Sintomi negativi - l'enigma motivazionale

Migliorare la motivazione quando si svolgono esercizi di miglioramento motivazionale richiede un alto livello di impegno. Tre diversi approcci per risolvere questa difficile questione sono stati presentati durante la SIRS 2019.

Kitchen sink approach

Questa relazione è stata svolta da Dawn Velligan, University of Texas Science Center di San Antonio, San Antonio, Texas, USA. La dottoressa Velligan ha descritto il programma MOtiVation and Engagement (MOVE) progettato per interrompere il ciclo comportamentale che rafforza gli atteggiamenti negativi persistenti.

Il MOVE  comprende il Cognitive Adaptation Training (CAT),  un approccio terapeutico articolato in cinque linee di intervento per migliorare i sintomi negativi e il funzionamento nel mondo reale dei pazienti con schizofrenia e sintomi negativi significativi e persistenti.

Gli altri quattro approcci sono:

  • Training sulle abilità sociali: le competenze dovevano essere partecipative e applicate direttamente ad alcuni aspetti della vita dei pazienti. Come ha spiegato la dottoressa Velligan, “Esistono molte ragioni per cui i pazienti non devono fare qualcosa. Siamo un po’ invadenti. Cerchiamo di prendere decisioni, ma a volte dobbiamo fare pressione. "
  • Tecniche cognitivo comportamentali (CBT) - per affrontare le convinzioni disfattiste. "Utilizziamo l'euristica semplice; perché se è troppo difficile, non accadrà ", ha detto la dottoressa Velligan.
  • Elaborazione emotiva - sia la terapia di rinforzo personale (come ti sentivi quando ...?) sia le terapie reciproche, in cui i pazienti cercano di indovinare le emozioni espresse dagli altri.
  • Piacere anticipato: ricordare ai pazienti che un'attività sarà piacevole sulla base di un'esperienza precedentemente piacevole.

Cerchiamo di prendere decisioni, ma a volte dobbiamo fare pressione.

MOVE – motivation improves

Per determinare se MOVE fosse o meno una terapia efficace, i pazienti sono stati valutati all'inizio e ad intervalli regolari; successivamente sono stati utilizzati strumenti per valutare i sintomi negativi e gli esiti funzionali e confrontati con le terapie standard. Sono stati osservati solo miglioramenti nella motivazione (NSA) e nella socializzazione e ricreazione (CAINS). Nonostante il contributo di così tanti terapisti di grande esperienza in 9 mesi di sessioni settimanali, questi risultati sono stati deludenti. Velligan ritiene che siano necessarie ulteriori indagini sui trattamenti per la gestione dei sintomi negativi persistenti.

Approccio di interviste motivazionali

Felice Reddy, UCLA, Los Angeles, USA, ha anche cercato i mezzi per affrontare i sintomi negativi motivazionali. La sua popolazione target era costituita da veterani, 80 dei quali con schizofrenia con livelli di sintomi negativi da moderati a elevati (> MAPPA CAINE). Ha confrontato l'uso di CBT più interviste motivazionali (MI) e formazione sulle capacità di consapevolezza nei suoi pazienti nel corso di 3 mesi di sessioni settimanali, più i compiti a casa.

Cos'è Motivational Interviewing (MI)?

L'MI è uno stile di conversazione guida e collaborativo utilizzato per rafforzare la motivazione intrinseca e l'impegno al cambiamento. Come ha spiegato il dott. Reddy, è uno stile di terapia, in cui il terapeuta e il paziente sono entrambi membri del team anziché terapeuta e paziente. I terapisti sono addestrati a porre domande aperte, a riflettere su affermazioni precedenti, a suscitare discorsi sul cambiamento, a sottolineare l'autonomia e, infine, a riassumere, informare e consigliare.

MI è uno stile di conversazione guida e collaborativo utilizzato per rafforzare la motivazione intrinseca e l'impegno al cambiamento

Degli 80 pazienti reclutati, dopo valutazione; 34 sono stati randomizzati in modo casuale a CBT + MI e 39 all'allenamento delle capacità di consapevolezza (MST) per 12 settimane. Sono state fatte al basale valutazioni sul cognitivo, sui sintomi, sulla motivazione, sul funzionamento in comunità e su convinzioni disfattiste, a 3 mesi e dopo altri 3 mesi di follow-up per determinare la fattibilità e l'efficacia di entrambi gli approcci.

Sintomi negativi motivazionali migliorati

Non è stata osservata alcuna differenza significativa tra i gruppi in termini di fattibilità: entrambi gli approcci erano accettabili per i pazienti. La valutazione dell'efficacia sul declino dei sintomi negativi motivazionali è stata significativamente migliorata in coloro che hanno ricevuto MI + CBT rispetto a MST, e l'effetto è stato mantenuto nel tempo; altre valutazioni di efficacia – l’opinione sulla performance dei disfattisti e il funzionamento della comunità non differivano tra i gruppi.

Il declino dei sintomi negativi motivazionali è stato  significativamente migliorato in coloro che venivano trattati con MI + CBT rispetto a MST

Come ha concluso il dott. Reddy, l'intervento ha lo scopo di modificare i comportamenti; quindi, potrebbe non essere sorprendente che non si verifichino cambiamenti nella sfera cognitiva. Inoltre, l'applicazione di questa terapia su una popolazione più giovane, piuttosto che sui veterani maturi, può avere esiti diversi.

App contro l'apatia

Quegli interventi di CBT che mirano specificamente agli atteggiamenti disfattisti hanno maggiori probabilità di migliorare i sintomi negativi e il funzionamento nella schizofrenia rispetto a quelli che non lo fanno. Pertanto, Jason Holden, School of Medicine San Diego Psychology Service, San Diego, California, USA, ha delineato un nuovo approccio basato su app per il targeting dei sintomi negativi: Mobile-assisted CBT per i sintomi negativi (mCBTn).

mCBTn - che cos'è?

mCBTn combina la CBT che prende di mira gli atteggiamenti disfattisti (dal dott. Holden e altri programmi di formazione in terapia di gruppo Cognitive-Behavioral Social Skills Training [CBSST]) con un'app per telefoni cellulari precedentemente testata (CBT2go).

Una schermata che registra i risultati settimanali offre ai fornitori di CBT informazioni sui pazienti che possono essere incorporati nelle loro sessioni settimanali di CBT

In un piccolo studio, mCBTn è stato testato su 31 pazienti con schizofrenia, che presentavano sintomi negativi da moderati a gravi persistenti, per determinare se gli atteggiamenti disfattisti potevano essere migliorati. I pazienti dovevano frequentare sessioni settimanali di CBT di gruppo della durata di 90 minuti in combinazione con l'uso dell'app per telefono. L'app si inserisce in una dashboard che invia messaggi per sfidare gli atteggiamenti disfattisti.

Tuttavia, l'app è stata progettata non solo per sconfiggere gli atteggiamenti disfattisti, ma anche per promuovere attività social, attività piacevoli (che erano programmate nella vita quotidiana con promemoria), attività fisiche e monitorare l'aderenza ai compiti. Una schermata che registra i risultati settimanali offre ai fornitori di CBT informazioni sui pazienti che possono essere incorporati nelle loro sessioni settimanali di CBT.

L'integrazione di app completa la terapia CBT

A 12, 18 e 24 settimane dopo l'inizio dello studio sono stati osservati miglioramenti significativi negli atteggiamenti disfattisti e nei sintomi negativi e positivi. I livelli di conservazione sono stati mantenuti al di sopra del 79% durante questo periodo di tempo. Questo studio preliminare suggerisce che la supplementazione dell’app integra la terapia CBT in questo gruppo di pazienti. Tuttavia, come sottolineato dal dott. Holden, era necessaria una formazione sia per i pazienti che per i terapisti; alcuni pazienti non sapevano come utilizzare lo smartphone e le app e non tutti i terapisti utilizzavano i dati di feedback raccolti dall'app durante le sessioni.

Significativi miglioramenti degli atteggiamenti disfattisti e dei sintomi negativi e positivi sono stati osservati a 12, 18 e 24 settimane

Our correspondent’s highlights from the symposium are meant as a fair representation of the scientific content presented. The views and opinions expressed on this page do not necessarily reflect those of Lundbeck.

References
  1. Sarkar S et al. World J Psychiatry 2015;5:352-361
  2. Velligan D et al. Schiz Research 2015; 165:175-180
  3. Reddy LF et al. Scizophr Bull 2018;44:1217-1226
Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
You are leaving Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente agli Operatori Sanitari (medici e farmacisti). I contenuti di questo sito sono prodotti da un team di Operatori Sanitari il cui obiettivo è presentare le ultime novità in ambito psichiatrico e neurologico, attraverso interviste, registrazioni audio/video di seminari con opinion leader, report e sintesi di congressi sia internazionali che nazionali. Per poter accedere al sito è quindi necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Operatore Sanitario.
Hello
Please confirm your email
We have just sent you an email, with a confirmation link.
Before you can gain full access - you need to confirm your email.
The information on this site is exclusively intented for health care professionals.
All the information included in the Website is related to products of the local market and, therefore, directed to health professionals legally authorized to prescribe or dispense medications with professional practice. The technical information of the drugs is provided merely informative, being the responsibility of the professionals authorized to prescribe drugs and decide, in each concrete case, the most appropriate treatment to the needs of the patient.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country