fbpx COVID-19: la riorganizzazione dei dipartimenti di psichiatria in Italia | Progress In Mind

COVID-19: la riorganizzazione dei dipartimenti di psichiatria in Italia

Il Professor Andrea Fagiolini ha recentemente pubblicato un Commentary sulla rivista Journal of Clinical Psychiatry in cui descrive l’esperienza senese relativa alla riorganizzazione del proprio dipartimento di psichiatria in seguito all’emergenza COVID-19. 

 

All’inizio molte persone hanno minimizzato il problema e creduto che COVID-19 fosse qualcosa di molto simile all’influenza. All’improvviso tutti noi abbiamo realizzato che era molto peggio ed, inoltre, si diffondeva rapidamente.

Ogni dipartimento di psichiatria ha reagito nella maniera che riteneva più opportuna. A Siena, come riporta il professore, più del 90% delle visite ambulatoriali sono state convertite in telemedicina, anche se l’esperienza in questo campo era molto scarsa. Per la maggior parte dei pazienti, inclusi anche quelli più anziani, si è deciso di privilegiare lo strumento più facile per la comunicazione virtuale, il cellulare, sia per chiamate che videochiamate. In quest’ultimo caso applicazioni come WhatsApp e FaceTime o piattaforme virtuali come Zoom sono state largamente utilizzate con buoni risultati. E’ stata mantenuta, invece, la modalità face-to-face solo per le visite ai pazienti più gravi. I ricoveri ospedalieri sono stati limitati ai soli casi strettamente necessari.

Oltre all’implementazione stringente di tutte le misure e dispositivi per la protezione individuale, il professore ci descrive come gli ambulatori siano stati completamente riorganizzati, rispettando un distanziamento di almeno 2 metri da una persona che sta parlando e di almeno 3 metri se la persona sta starnutendo o tossendo.

A Siena i pazienti affetti da COVID-19 e problemi di salute mentale sono ricoverati nell’area COVID, dove viene fornito un servizio di consulenza psichiatrica. Sono state sviluppate, anche, delle procedure interne per il trattamento, per esempio, del Delirium, particolarmente frequente nei pazienti COVID-19 positivi. Per coloro che non sono in grado o non vogliono rimanere isolati o che possono avere comportamenti aggressivi è stata creata nell’area COVID una stanza di isolamento. Considerato però il numero crescente dei casi, anche all’interno del reparto di psichiatria è presente una stanza di isolamento per i pazienti COVID-19 positivi con disturbi mentali gravi. 

Tutti coloro impegnati in prima linea nel fronteggiare questa emergenza stanno vivendo un momento di enorme carico lavorativo e stress psicologico. Il professore ci racconta di aver iniziato un programma per fornire supporto individuale psicologico, in particolare a chi lavora nelle unità COVID, utilizzando videochiamate tramite WhatsApp. Inoltre, è stato avviato un programma di gruppo dedicato ai soli operatori sanitari che ha lo scopo di facilitare la comunicazione, condivisione di esperienze, espressione di paure e speranze. Offrire uno spazio virtuale per discutere e trovare conforto gli uni con gli altri può essere molto utile, soprattutto per coloro che vivono da soli.

Per consultare il testo completo dell'articolo fare riferimento alla referenza riportata nella sezione References in basso. 

References

Fagiolini A et al., J Clin Psychiatry 2020;81(3):20com13357

You are leaving Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente ai Professionisti Sanitari. I contenuti di questo sito sono prodotti da un team dedicato di Professionisti Sanitari e medical writer il cui obiettivo è presentare le novità scientifiche più recenti insieme ad opinioni di esperti ed approfondimenti in ambito psichiatrico e neurologico. Per poter accedere al sito è, quindi, necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Professionista Sanitario.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Hello
Please confirm your email
We have just sent you an email, with a confirmation link.
Before you can gain full access - you need to confirm your email.
The information on this site is exclusively intented for health care professionals.
All the information included in the Website is related to products of the local market and, therefore, directed to health professionals legally authorized to prescribe or dispense medications with professional practice. The technical information of the drugs is provided merely informative, being the responsibility of the professionals authorized to prescribe drugs and decide, in each concrete case, the most appropriate treatment to the needs of the patient.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country