fbpx Sintomi negativi, outcome positivi | Progress In Mind

Sintomi negativi, outcome positivi

I pazienti con schizofrenia possono usare uno strumento di autovalutazione dei loro sintomi negativi?  La risposta è sì, come ha affermato Sonia Dollfus, Università di Caen, Caen, Francia, durante l’EPA 2019.

SNS: “simple, neat, straightforward”

La scala Self-report of Negative Symptoms (SNS) è un strumento breve a 20 item composto da frasi concise, semplici e di facile comprensione. Le tre scelte di risposta (fortemente d’accordo, in qualche modo d’accordo, fortemente in disaccordo) consentono l’autovalutazione in meno di 5 minuti. Le cinque dimensioni negative (sociale, emotiva, anedonia, abulia, alogia) vengono autovalutate e i pazienti possono segnalare eventuali deficit di motivazione e piacere, oltre alla perdita di emozioni indipendentemente dall’umore depresso.

La validazione della SNS ha mostrato una buona attendibilità test-retest, una buona coerenza interna e buona validità convergente e divergente; i risultati di numerosi studi supportano il valore della SNS nello screening e nella valutazione dei sintomi negativi. Pertanto, sembra integrare le valutazioni dell’osservatore sui sintomi negativi e aumenta il coinvolgimento del paziente. È importante sottolineare che i sintomi negativi possono essere rilevati anche nelle fasi iniziali della malattia.

L’autovalutazione dei sintomi negativi sembra integrare le valutazioni dell’osservatore e aumenta il coinvolgimento del paziente

I risultati della SNS non necessariamente sono correlati alle valutazioni dell’osservatore. Ad esempio, nella depressione, le autovalutazioni hanno superato le valutazioni dell’osservatore e sono necessarie ulteriori ricerche per studiare i fattori coinvolti nella differenza notata tra autovalutazione e altre valutazioni cliniche. Al momento, differenziare i sintomi depressivi e quelli negativi resta un ostacolo da superare.

Brief Negative Symptom Scale: un nuovo strumento per la valutazione dei sintomi negativi da parte dell’osservatore  

Alex Hofer, Medical University of Innsbruck, Innsbruck, Austria, ha evidenziato i potenziali vantaggi di un secondo strumento per la valutazione dei sintomi negativi, la Brief Negative Symptom Scale (BNSS), rispetto alla Positive and Negative Syndrome Scale (PANSS), quando si valuta l’associazione tra sintomi negativi e indici neurocognitivi e di cognitività sociale in pazienti con schizofrenia.

 

La compromissione neurocognitiva è fortemente associata agli outcome funzionali, così come lo sono la presenza di sintomi negativi e la compromissione della cognitività sociale, sebbene in misura minore. È stato suggerito che i sintomi negativi, in particolare “abulia-apatia” e “deficit espressivi”, e la cognitività sociale mediano l’impatto della neurocognitività sugli outcome funzionali. Il Professor Hofer ha presentato i risultati di uno studio che ha esaminato ciò.

Sono stati reclutati 150 soggetti clinicamente stabili con schizofrenia e i sintomi negativi sono stati valutati usando la BNSS. La neurocognitività e la cognitività sociale sono state valutate mediante il Trial Making Test (TMT) A e B, il Symbol Coding Test e il Facial Emotion Identification Test (FEIT), rispettivamente. Gli outcome funzionali sono stati valutati mediante la scala Personal and Social Performance (PSP).

Delle variabili neurocognitive valutate, solo TMT-A e punteggio neurocognitivo composito (TMB-TMA) erano moderatamente correlati con un deficit espressivo. Queste variabili, insieme al TMT-B, erano moderatamente correlate al punteggio totale PSP. I deficit espressivi erano l’unico mediatore significativo della relazione tra l’indicatore neurocognitivo TMT-A e gli outcome funzionali.  

Il deficit espressivo era l’unico mediatore significativo della relazione tra l’indicatore neurocognitivo TMT-A e gli outcome funzionali.

Prospettive polacche su nuovi strumenti

Janusz Rybakowski, Dipartimento di Psichiatria Adulta, Poznan, Polonia, ha presentato i risultati preliminari dell’uso delle versioni polacche di BNSS e SNS, entrambe validate nel suo dipartimento. 

Un piccolo studio ha arruolato 40 pazienti stabili con schizofrenia, valutati mediante la Positive and Negative Syndrome Scale (PANSS), e li ha valutati usando entrambe le nuove scale.

La differenza di genere sparisce con l’auto-valutazione

Questi risultati confermano la validità e l’utilità di SNS e BNSS nella valutazione dei sintomi negativi in pazienti con schizofrenia

La BNSS e le sue sottoscale hanno mostrato una correlazione rilevante con il punteggio totale PANSS e con le sottoscale PANSS di sintomi negativi originale e modificata. Sono stati ottenuti punteggi significativamente maggiori negli uomini rispetto alle donne per quanto riguarda asocialità, abulia e alogia; una differenza di genere non è stata notata usando la SNS.

Vi era una correlazione tra i rispettivi sottodomini della BNSS e le sottoscale della SNS di asocialità, anaffettività, alogia, abulia e anedonia, e anche tra la BNSS e gli indici di cognitività sociale e funzionamento sociale compromessi. Nel complesso, questi risultati confermano la validità e l’utilità di entrambe le scale nella valutazione dei sintomi negativi in pazienti con schizofrenia.

Our correspondent’s highlights from the symposium are meant as a fair representation of the scientific content presented. The views and opinions expressed on this page do not necessarily reflect those of Lundbeck.

You are leaving Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
Accesso riservato a Operatori Sanitari
Per accedere si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi
L’accesso a Progress in Mind Italia è consentito unicamente ai Professionisti Sanitari. I contenuti di questo sito sono prodotti da un team dedicato di Professionisti Sanitari e medical writer il cui obiettivo è presentare le novità scientifiche più recenti insieme ad opinioni di esperti ed approfondimenti in ambito psichiatrico e neurologico. Per poter accedere al sito è, quindi, necessario registrarsi e fornire alcuni dati così da poter verificare che l‘utente sia un Professionista Sanitario.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Hello
Please confirm your email
We have just sent you an email, with a confirmation link.
Before you can gain full access - you need to confirm your email.
The information on this site is exclusively intented for health care professionals.
All the information included in the Website is related to products of the local market and, therefore, directed to health professionals legally authorized to prescribe or dispense medications with professional practice. The technical information of the drugs is provided merely informative, being the responsibility of the professionals authorized to prescribe drugs and decide, in each concrete case, the most appropriate treatment to the needs of the patient.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country