Cura dell'emicrania nell'era COVID-19: prevenire è meglio che curare

Esiste il rischio di un'ulteriore de-prioritizzazione nella cura dell'emicrania nell'era COVID-19? Questa è stata una delle questioni di attualità sollevate dagli esperti di emicrania durante un simposio satellite al #MTIS2020. Sono state discusse soluzioni innovative per la gestione dei pazienti con emicrania durante la pandemia. La telemedicina consente ai medici di gestire efficacemente i pazienti senza esporli ai rischi delle visite di persona e le nuove terapie preventive possono essere più adatte per aiutare i pazienti ad evitare le visite al pronto soccorso per attacchi di emicrania.

Gestione dell'emicrania durante una pandemia

L'era della pandemia COVID-19 può essere particolarmente difficile per i pazienti con emicrania, a causa del significativo aumento dei fattori di stress - come ansia e cambiamenti nella routine quotidiana - che sono tutti fattori scatenanti l'emicrania.1 È ben noto che l'emicrania è sottotrattata; lo studio Eurolight condotto su 3.500 pazienti in 10 paesi europei mostra che tra le persone con ≥5 giorni di emicrania al mese, solo il 2-14% utilizzava farmaci per la prevenzione.2 L'aderenza alle vecchie terapie orali preventive è scarsa e spesso i pazienti le interrompono per mancanza di efficacia e scarsa tollerabilità.3,4

Le evidenze nel lungo termine supportano ora un beneficio prolungato, una migliore aderenza e nessun nuovo problema di sicurezza con gli anticorpi del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP).5,6 Tuttavia, ha affermato la professoressa Cristina Tassorelli dell’Università di Pavia, stiamo ancora combattendo affinché la prevenzione per l'emicrania diventi uno standard di cura. È arrivata l’ora di interrompere il ciclo dei fallimenti del trattamento in acuto e dei vecchi sistemi di prevenzione cercando nuove terapie mirate, ha aggiunto il dottor Giorgio Lambru, Guy's & St Thomas 'Hospital, Londra, Regno Unito.

Gli anticorpi CGRP hanno il potenziale per rivoluzionare la vita delle persone con emicrania

Telemedicina per pazienti con cefalea durante COVID-19

La telemedicina offre un'importante opportunità per continuare a prendersi cura di una popolazione vulnerabile senza esporla ai rischi delle visite di persona. Il dottor Lambru ha condiviso le sue esperienze e quelle dei suoi pazienti sulla gestione dell'emicrania durante il blocco della pandemia COVID-19. Tutte le visite ambulatoriali per il mal di testa al Guy's & St Thomas 'Hospital, Londra, Regno Unito sono state convertite in telemedicina (video o telefono), che ha permesso al dipartimento di continuare l'attività ambulatoriale a flusso completo, ad eccezione delle cliniche per le procedure del mal di testa che sono state significativamente ridotte. Questo cambiamento è stato accolto favorevolmente dalla maggior parte dei pazienti, è stato conveniente e ha richiesto meno tempo per i pazienti.

La telemedicina può essere un modo efficiente e sicuro per diagnosticare e trattare le cefalee primarie

Gli anticorpi CGRP sono ancora più importanti nell'era COVID-19?

Gli anticorpi CGRP possono essere adatti per il follow-up della telemedicina, a causa della loro frequenza di somministrazione, via di somministrazione, buona efficacia, tollerabilità e aderenza.6 Hanno anche il potenziale per offrire risparmi sui costi in termini di diminuzione della disabilità e dipendenza dagli ambulatori o dalle cure ospedaliere, ridotta necessità di consulti e minori visite al pronto soccorso7.

Una gestione preventiva efficace dell'emicrania con la prevenzione di frequenti visite cliniche di persona e al pronto soccorso potrebbe aiutare a mantenere le distanze sociali per contenere la pandemia COVID-19

Tuttavia, prima che gli anticorpi CGRP possano avere un impatto reale per la maggior parte delle persone con emicrania, è necessario revocare le restrizioni dell'autorizzazione preventiva per consentire ai pazienti di accedere a questi farmaci. Un gruppo di medici dell'American Headache Society (AHS) Practice Management Committee ha chiesto la rimozione delle restrizioni che richiedono ai pazienti di fallire con i farmaci orali più vecchi o con le iniezioni di tossina onabotulinica A (che non sono fattibili in questo momento) prima di qualificarsi per il trattamento preventivo con gli anticorpi CGRP.8 L'abolizione delle restrizioni consentirebbe ai pazienti con emicrania di accedere a opzioni di trattamento basati sull'evidenza riducendo il peso della loro malattia.

 

Il supporto finanziario educativo per questo simposio Satellite è stato fornito da Amgen e Novartis.

Our correspondent’s highlights from the symposium are meant as a fair representation of the scientific content presented. The views and opinions expressed on this page do not necessarily reflect those of Lundbeck.

References
  1. Erwin Wells R, Doyle Strauss L. Headache 2020;60(5):820-23
  2. Katsarava Z, et al. J Headache 2018;19(1):10
  3. Lipton RB, et al. Neurology 2007;68(5):343-49
  4. Hepp Z, et al. Cephalalgia 2015;35(6):478-88
  5. Xu D, et al. Cephalalgia 2019;39(9):1164-79
  6. Deng H, et al. BMC Neurol. 2020;20(1):57
  7. Buse DC, et al. Cephalalgia 2018;38(10):1622-31
  8. Szperka CL, et al. Headache 2020 May;60(5):833-42
Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Ciao
Per favore, conferma la tua email
Ti abbiamo appena inviato un'e-mail con un link di conferma.
Prima di poter ottenere l'accesso completo, devi confermare la tua email.
Le informazioni su questo sito sono destinate esclusivamente ai professionisti della salute.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country