Il sesso, lo stress e le cellule immunitarie meningeali nell’emicrania

Tutte le cellule immunitarie sono fonti di mediatori infiammatori e possono contribuire all'insorgenza dell’emicrania, ma quali cellule immunitarie sono implicate e in che modo differiscono tra maschi e femmine? Le cellule T potrebbero avere un ruolo importante nella genesi del dolore nelle femmine rispetto ai maschi in cui invece sono principalmente implicati i macrofagi e la microglia, ha affermato il professor Michael Gold, dell'Università di Pittsburgh, Pennsylvania, al Virtual Scottsdale Headache Symposium 2020.

Le tre caratteristiche dell'emicrania che potrebbero riflettere la fisiopatologia sottostante e che hanno guidato la ricerca condotta dal professor Gold e i suoi colleghi sono:

L'emicrania è tre volte più diffusa nelle femmine rispetto ai maschi

  • la maggiore prevalenza nelle femmine con un rapporto di 3: 1 per femmine:maschi
  • l’innesco di attacchi, il più delle volte avviene a causa di eventi stressanti
  • il ritardo tra la causa e l'attacco si verifica più spesso una volta che lo stress si è risolto - ipotesi di rilassamento da stress1

Cellule immunitarie innate e adattive nella dura madre

∼ il 17% delle cellule della dura madre sono cellule immunitarie

Le meningi sono uno dei tessuti più immunocompetenti del corpo, ha affermato il professor Gold. Ha descritto la ricerca del suo laboratorio sulla dura madre trattata di ratto che ha rivelato che ∼ il 17% delle cellule nella dura madre sono cellule immunitarie.1 Intuitivamente questo ha senso, ha aggiunto, perché la dura madre è la protezione finale del cervello.

La maggior parte (∼60%) di queste cellule immunitarie sono macrofagi, il ∼20% sono cellule B e il 4,5% sono cellule T: e le cellule immunitarie sono distribuite in tutta la dura madre.1

Questa presenza di cellule immunitarie adattive suggerisce che sono lì per essere attivate quando necessario e non hanno bisogno di essere reclutate, ha detto il professor Schwedt.

In che modo la risposta allo stress differisce tra maschi e femmine?

Le cellule T possono svolgere un ruolo importante nella produzione di dolore nelle femmine

Un modello di stress cronico nei ratti ha rivelato risposte diverse nelle cellule immunitarie della dura madre di maschi e femmine, con stress. 1

Lo stress ha provocato:

  • un aumento dipendente dal neurone simpatico postgangliare (SPGN) dei macrofagi nella dura madre dei maschi
  • un aumento indipendente da SPGN delle cellule T ma non dei macrofagi nelle femmine1

I macrofagi e la microglia sono le fonti più importanti del dolore nei maschi

Anche i livelli di mediatori pro e antinfiammatori differivano per i maschi e per le femmine, e lo stress nelle femmine ha portato a:

  • aumento dell'espressione di mediatori pro-infiammatori
  •  diminuzione dell'espressione dei mediatori antinfiammatori1

Tutte le cellule immunitarie sono fonti di mediatori infiammatori e possono contribuire all’insorgenza dell’emicrania, ha detto il professor Gold. Tuttavia, le cellule T possono giocare un ruolo più importante nella produzione di dolore nelle femmine rispetto ai maschi in cui sono i macrofagi e la microglia le fonti più importanti del dolore.

Our correspondent’s highlights from the symposium are meant as a fair representation of the scientific content presented. The views and opinions expressed on this page do not necessarily reflect those of Lundbeck.

References

1. McIIvried LA, et al. Cephalalgia 2017;37:36–48.

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Ciao
Per favore, conferma la tua email
Ti abbiamo appena inviato un'e-mail con un link di conferma.
Prima di poter ottenere l'accesso completo, devi confermare la tua email.
Le informazioni su questo sito sono destinate esclusivamente ai professionisti della salute.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country