Come può l’eterogeneità della Malattia di Parkinson influenzare la gestione del paziente?

La malattia di Parkinson è una malattia eterogenea con diversi fenotipi, modelli di progressione, esiti e con declino cognitivo associato. La mancanza di dopamina che porta a una diagnosi di PD è il risultato finale di diverse cause sottostanti, hanno spiegato gli esperti al MDS Virtual Congress 2020.

Le diverse cause genetiche del PD

Almeno 21 geni sono coinvolti nel PD

Il professor Clemens Scherzer, Boston, MA, ha evidenziato 21 geni mendeliani già identificati come responsabili del morbo di Parkinson (PD) e i loro diversi temi e fenotipi:1

  • disfunzione mitocondriale associata a rara perdita recessiva della funzione dei geni PINK1, PRKN e PARK7
  • disfunzione lisosomiale e di traffico associata alle varianti del gene LRRK2, GBA e VPS35
  • PD senza corpi di Lewy associato alle varianti LRRK2, PRKN e PINK1
  • piramidali e altre caratteristiche atipiche associate a diverse varianti geniche tra cui ATP13A2

Le mutazioni di LRRK2 sono associate a un declino UPDRS più lento

Le mutazioni di LRRK2 sono associate a un declino più lento nei punteggi della Unified Parkinson's Disease Rating Scale (UPDRS).2

Le mutazioni GBA sono state rilevate nel 10,3% dei pazienti con PD e sono collegate a un declino cognitivo accelerato.3

Inoltre, studi di associazione su tutto il genoma hanno identificato 90 segnali di rischio di PD indipendenti che suggeriscono che molti altri geni associati a PD rimangono da identificare.4

La malattia di Parkinson è una malattia clinicamente, neuropatologicamente e prognosticamente eterogenea

I molti fattori non genetici associati all'eterogeneità del PD

L'eterogeneità eziologica del PD si riflette nella sua eterogeneità clinica, neuropatologica e prognostica5, ha affermato la professoressa Connie Marras, Toronto, Canada.

I fattori non genetici che influenzano le manifestazioni cliniche e la prognosi includono:

  • esposizione a pesticidi organofosfati, che è associata al peggioramento dei punteggi UPDRS e Mini-Mental State Exam6
  •  dieta senza latticini in stile mediterraneo, che è associata a un peggioramento più lento dei risultati di PD segnalati dai pazienti (PRO-PD), mentre una dieta a base di latticini  è associata a un peggioramento più rapido di PRO-PD7
  • esercizio e attività fisica, che riducono il rischio di declino cognitivo e progressione allo stadio 3 di Hoehn & Yahr8
  • comorbidità, ad esempio diabete mellito, malattie cerebrovascolari e malattie cardiache, che aumentano il rischio di PD con deterioramento cognitivo9

Lo stile di vita è un fattore che influenza la progressione del PD e la mortalità

Studi di coorte longitudinali saranno di aiuto ai medici per rispondere alle domande dei loro pazienti

Il professor Rodolfo Savica, Rochester, MN, ha evidenziato i cambiamenti longitudinali multifattoriali per i pazienti con PD e la mancanza di marker per monitorare l'efficacia del trattamento.

I medici non sono quindi in grado di rispondere alle domande basilari dei loro pazienti come: "Cosa succederà dopo? “E quale sarà il prossimo sintomo? " ha detto il prof. Savica.

Sono quindi necessari ampi studi di coorte longitudinali da paesi di tutto il mondo per fornire risposte a queste domande e consentire una migliore gestione della patologia e terapie più efficaci.10

Our correspondent’s highlights from the symposium are meant as a fair representation of the scientific content presented. The views and opinions expressed on this page do not necessarily reflect those of Lundbeck.

References
  1. Blauwendraat C, et al. Lancet Neurol. 2020;19:170–8.
  2. Saunders-Pullman R, et al. JAMA Neurol. 2018;75:312–9.
  3. Liu G, et al. Ann Neurol. 2016;80:674–85.
  4. Nalls MA, et al. Lancet Neurol. 2019;18:1091–1102.
  5. De Pablo-Fernández E, et al. JAMA Neurol.2019;76:470–9.
  6. Paul KC, et al. Environ Int. 2017;107:75–81.
  7. Mischley LK, et al. Oxid Med Cell Longev. 2017;2017:6405278.
  8. Paul KC, et al. Mov Dis. 2019;34:58–66.
  9. Guo Y, et al. Mov Disord. 2019;34:876–83.
  10. Heinzl S, et al. J Parkinsons Dis. 2017;7:423–32.
Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Ciao
Per favore, conferma la tua email
Ti abbiamo appena inviato un'e-mail con un link di conferma.
Prima di poter ottenere l'accesso completo, devi confermare la tua email.
Le informazioni su questo sito sono destinate esclusivamente ai professionisti della salute.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country