I sintomi negativi nella schizofrenia

I sintomi negativi nella schizofrenia - apparentemente carenti o in qualche modo ridotti- sono stati a lungo motivo di preoccupazione sia per i clinici che per i pazienti affetti da schizofrenia.1 Spesso, sono i sintomi negativi piuttosto che quelli positivi della schizofrenia ad essere più rilevanti clinicamente con fino al 60% di pazienti che li manifestano.2 Ma cosa c’è alla base di tali sintomi? E cosa si sta facendo per migliorarli?

Innanzitutto, al fine di promuovere una ricerca completa sui sintomi negativi nella schizofrenia, è importante analizzarli utilizzando strumenti validati di valutazione.1

La scala validata BNSS

Il Network sulla Schizofrenia di European College of Neuropsychopharmacology (ECNP) ha condotto uno studio multinazionale (10 paesi) di validazione della Brief Negative Symptoms Scale (BNSS).1 Un totale di 249 soggetti affetti da schizofrenia sono stati esaminati utilizzando sia la scala BNSS che la scala Positive and Negative Syndrome Scale (PANSS), nonché altri strumenti per la valutazione della depressione, sintomi extrapiramidali e funzionamento psicosociale.

La scala BNSS evidenzia l'avolizione

In tutti i paesi, la scala BNSS ha dimostrato un'eccellente coerenza interna. Inoltre, ha mostrato vantaggi rispetto alla PANSS nell'identificazione del dominio dell'avolizione - a differenza della PANSS, l’avolizione nella BNSS ha spiegato il 23.9% del funzionamento psicosociale - e più pazienti con sintomi negativi sono stati identificati usando la BNSS che con la PANSS.

Rispetto alla PANSS, la scala BNSS è vantaggiosa nell'identificazione del dominio dell'avolizione

MCCB

La Rete italiana per la ricerca sulle psicosi (INRP) ha recentemente riportato i risultati di 2 interessanti studi, il primo dei quali ha coinvolto l'uso di MATRICS Consensus Cognitive Battery (MCCB).

Poiché la dimensione della disorganizzazione è un forte predittore del funzionamento della vita reale nei pazienti affetti da schizofrenia, INRP ha avviato una valutazione di MCCB elettrofisiologico e neurocognitivo, che correla i componenti della disorganizzazione - "disorganizzazione concettuale", "difficoltà nel pensiero astratto", " scarsa attenzione "- e deficit cognitivi.3

Hanno trovato solo una parziale sovrapposizione tra disorganizzazione e deficit cognitivi, suggerendo che la compromissione delle funzioni neurobiologiche potrebbe non essere completamente valutata tramite MCCB.

MCCB potrebbe non valutare completamente la compromissione delle funzioni neurobiologiche nei pazienti affetti schizofrenia

Tuttavia, anche le alternative a MCCB devono essere attentamente valutate. Ad esempio, un confronto longitudinale di CANTAB (Cambridge Neuropsychological Test Automated Battery) e MCCB in 39 soggetti con schizofrenia e 10 controlli sani, ha mostrato - a differenza dell'uso di MCCB - un effetto significativo del tempo con CANTAB. Ciò è indicativo di effetti pratici nell'utilizzo di quest'ultimo strumento.4

Il networking differisce nei pazienti guariti e non guariti

Uno studio di follow-up a 4 anni di analisi dell’ampia rete dell'INRP, che ha esplorato la relazione tra variabili correlate alla malattia, risorse personali, fattori legati al contesto e funzionamento nella vita reale dei pazienti affetti da schizofrenia, ha evidenziato che la struttura del network e la connessione di pazienti guariti e non guariti erano molto diverse.5

Ciò suggerisce che sintomi/disfunzioni, strettamente correlati, si auto-influenzano, contribuendo a scarsi risultati nella schizofrenia.5 L' emergere di questi network debilitanti potrebbe essere evitato mediante la messa in atto di piani di trattamento precoci e integrati.

Sintomi/disfunzioni strettamente correlati si auto-influenzano, contribuendo a scarsi risultati nella schizofrenia

L'intervento psicoeducazionale riduce le visite al PS

Il miglioramento dei sintomi negativi e la riduzione del numero di visite al pronto soccorso (PS) sono stati riportati in soggetti appartenenti ad un gruppo psicoeducazionale (PE) rispetto a quelli facenti parte di un gruppo di intervento non strutturato (NS) per adolescenti con psicosi.6 La funzione esecutiva (EF) - un dominio cognitivo per il problem solving- potrebbe essere alla base di questa differenza di risposta?

Pertanto, l'EF è stata valutata in 22 soggetti randomizzati ad interventi PE o NS. I miglioramenti nell'EF correlavano sia con la riduzione dei sintomi negativi che delle visite al PS. Gli sperimentatori ritengono che questi risultati potrebbero influenzare lo sviluppo di nuovi interventi clinici.

I miglioramenti nelle funzioni esecutive sono correlati sia con la riduzione dei sintomi negativi che delle visite al PS

Sebbene non identificato di per sé come sintomo negativo, gli effetti negativi del deterioramento cognitivo si notano nelle fasi iniziali della schizofrenia, spesso molto prima che si manifestino i sintomi positivi.7

Attualmente, le opinioni sono diverse in merito all’inclusione del deterioramento cognitivo come criterio diagnostico separato per la schizofrenia.7 Tuttavia, è chiaro che sia i sintomi negativi che il deterioramento cognitivo costituiscono bisogni clinici insoddisfatti nella gestione della schizofrenia.

References
  1. Mucci A, et al. Eur Neuropsychopharmacol 2019;29:947-959
  2. Correll C & Schooler N. Neuropsychiatr Dis Treat 2020;16;519-534
  3. Vignapiano A, et al. Int J Psychophysiol 2019;145:98-108
  4. Rodriguez-Toscano E, et al. Schizophr Res 2019; Dec 5 E pub ahead of print
  5. Galderisi S, et al. World Psychiatry 2020;19:81-91
  6. Rapado-Castro M, et al. J Clin Med 2019;8(12)
  7. Davidson M, World Psychiatry 2019;18:171-172

 

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Ciao
Per favore, conferma la tua email
Ti abbiamo appena inviato un'e-mail con un link di conferma.
Prima di poter ottenere l'accesso completo, devi confermare la tua email.
Le informazioni su questo sito sono destinate esclusivamente ai professionisti della salute.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country