Manifestazioni neurologiche di COVID-19 nelle persone con PD

Quali sono le manifestazioni neurologiche di COVID-19 e in che modo il COVID-19 influisce sulla gestione delle persone con malattia di Parkinson e sui loro esiti? Gli esperti del MDS Virtual Congress 2020 hanno presentato un riepilogo aggiornato di tutte le informazioni attualmente disponibili. 

Quali sono le manifestazioni neurologiche di COVID-19?

Le manifestazioni neurologiche più frequenti sono cefalea, mialgia, anosmia e ageusia

Le manifestazioni neurologiche non sono rare nei pazienti con infezione da COVID-19,1 e sono in corso studi per determinarne la prevalenza e la natura, ha affermato la professoressa Elena Moro, Grenoble, Francia.

Sono state segnalate manifestazioni neurologiche multiple tra cui encefalopatia e ictus. I più frequenti sintomi identificati da 2343 medici, principalmente neurologi con sede in Europa, sono mal di testa, mialgia, anosmia, ageusia, alterazione della coscienza e agitazione psicomotoria.2

Raramente i pazienti con infezione da COVID-19 sviluppano ipercinesia di nuova insorgenza, che risulterebbe transitoria con tremore e mioclono e molto raramente risultano essere sintomi parkinsoniani,3 ha osservato il professor Alfonso Fasano, Toronto, Canada.

I sintomi di nuova insorgenza nei pazienti con infezione da COVID-19 sono molto rari

La risonanza magnetica ha mostrato interruzioni microstrutturali, principalmente nelle cortecce olfattive centrali, nelle fasi di recupero di COVID-19, suggerendo che sono possibili manifestazioni neurologiche post-infettive a breve e lungo termine.4

La valutazione neurologica e cognitiva longitudinale degli individui dopo il recupero da COVID-19 è quindi cruciale per comprendere la storia naturale di COVID-19,5 ha concluso il professor Moro.

Infezione da COVID-19 nelle persone con PD

Le persone con PD sono più suscettibili all'infezione da COVID-19? in che modo l'infezione da COVID-19 potrebbe influire sulla gestione della PD? Ha chiesto il professor Fasano.

Le persone con PD non sembrano avere un aumentato rischio di sviluppare COVID-19

Il professor Fasano e colleghi, hanno studiato una vasta coorte non selezionata di pazienti con PD non avanzato. Il rischio e la mortalità per COVID-19 erano simili a quelli della popolazione generale in Italia, ma i sintomi del COVID-19 sembravano essere più lievi.6

Nel frattempo, in un altro studio, le persone con malattia di Parkinson con infezione da COVID-19 hanno sperimentato un peggioramento significativo dei sintomi motori e non motori, in particolare affaticamento e sintomi urinari. Il peggioramento dei sintomi è stato attribuito all'infezione e alla ridotta farmacocinetica dopaminergica e hanno richiesto aggiustamenti per i farmaci dopaminergici.7

Impatto di COVID-19 sulla cura clinica

La salute mentale, l'attività fisica e la qualità della vita compromesse sono state documentate tra i pazienti con PD durante la pandemia COVID-19, ha affermato la professoressa Esther Cubo, Burgos, Spagna. La telemedicina può aiutare a garantire cure continue e ad affrontare questi problemi.8

Aumento della telemedicina

La telemedicina consente ai pazienti con PD di stare al sicuro ed evitare di recarsi nei luoghi di cura. È stato descritto un modello in due fasi che integra un triage di telenursing seguito da video consultazioni con neurologi.9

Un sondaggio globale di esperti di telemedicina nei mesi di marzo e aprile 2020 ha rilevato che tutte le forme di telemedicina per i disturbi del movimento sono aumentate come risposta immediata alla pandemia insieme alle normative governative aggiornate. Le sfide includono problemi di privacy, mancanza di rimborso, accesso limitato e mancanza di formazione sulla telemedicina.10

Our correspondent’s highlights from the symposium are meant as a fair representation of the scientific content presented. The views and opinions expressed on this page do not necessarily reflect those of Lundbeck.

Country selection
We are registering that you are located in Brazil - if that's correct then please continue to Progress in Mind Brazil
Stai abbandonando il sito Progress in Mind
Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere conformi al D.Ivo 219/06 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e le opinioni espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’azienda, non sono da essa avvallate.
ACCESSO RISERVATO A OPERATORI SANITARI AUTORIZZATI
Per accedere alla pagina si prega di registrarsi o, in caso sia già stato fatto, di autenticarsi. La pagina per la quale sta richiedendo l'accesso ospita materiale formativo comunque attinente all'impiego di medicinali prodotti o commercializzati da Lundbeck. Con riferimento al Decreto Legislativo n.219 del 24 aprile 2006 e s.m.i., art. 119, art. 121 comma 1 e art. 124 commi 4 e 8, Lundbeck limita l'accesso ai contenuti presenti nella pagina PIM Academy a medici specialisti e farmacisti ospedalieri.
Ciao
Per favore, conferma la tua email
Ti abbiamo appena inviato un'e-mail con un link di conferma.
Prima di poter ottenere l'accesso completo, devi confermare la tua email.
Le informazioni su questo sito sono destinate esclusivamente ai professionisti della salute.
Congress
Register for access to Progress in Mind in your country